fbpx Skip to main content

Oggi voglio raccontarti una storia. 

Per me è stata d’ispirazione e spero lo sia anche per te. 

Le storie racchiudono in sé molti insegnamenti e se impariamo a coglierli ci possono offrire una prospettiva interessante che non avremmo mai immaginato.

Prima di partire un piccolo remind 😄.

In fondo alla newsletter hai la possibilità di lasciare la tua opinione! Compilando il breve sondaggio potrai rendere questo appuntamento sempre più ricco dei temi che prediligi e aiuterai me a renderli più affini ai tuoi interessi. 

Grazie di cuore per il tuo tempo, te ne sono grata 🙏

Sei pront*? Partiamo!

Una volta Tanzan ed Ekido camminavano insieme per una strada fangosa. Pioveva ancora a dirotto. 

Dopo una curva, incontrarono una bella ragazza in chimono e sciarpa di seta, che non poteva attraversare la strada. “Vieni ragazza” disse subito Tanzan. Poi la prese in braccio e la portò oltre le pozzanghere. 

Ekido non disse nulla finché quella sera non arrivarono al tempio dove passare la notte. Allora non potè più trattenersi. “Noi monaci non avviciniamo le donne e men che meno quelle giovani e carine. È pericoloso. Perché l’hai fatto?”

“Io quella ragazza l’ho lasciata laggiù” disse Tanzan. “Tu la stai ancora portando con te?”.

Ho trovato questa storia una perfetta metafora della vita e ci sono due cose che mi hanno particolarmente colpito:

👉🏻 La scelta di Tanzan di aiutare la ragazza indipendentemente dal giudizio di Ekido

👉🏻 L’attaccamento di Ekido a quel momento appena trascorso e al fastidio provato

Vediamo un po’ più nel dettaglio di cosa sto parlando.

Prima di fare c’è l’essere

Il comportamento di Tanzan nei confronti della ragazza è la chiara dimostrazione di quanto prima di tutto sia importante ESSERE.

Tanzan ci viene presentato come un uomo buono, saggio ed altruista, pronto ad aiutare gli altri.

Sa perfettamente quali siano le regole dei monaci ma ciò nonostante decide di aiutare quella ragazza in difficoltà, andando oltre il giudizio ed il pensiero di Ekido.

Tanzan ha scelto come prima cosa di essere se stesso. 

Ti capita mai nella tua vita di indossare una maschera per voler piacere a qualcuno o per ottenerne il consenso?

A me è successo. Parecchie volte. Sia in ambito lavorativo che personale e ogni volta, ripeto, ogni volta, sono rimasta delusa.

Ne restavo delusa perché quei comportamenti mi rendevano una persona diversa da quella che ero e che avrei voluto essere e perché limitavano la mia libertà.

Prima di fare qualunque cosa nella tua vita, prima di prendere qualunque decisione, ricordati chi sei. 

Ci sarà sempre chi non sarà d’accordo con te o avrà da criticare le tue scelte ma ricorda che se deciderai di essere, di vivere come vuoi e non come devi, nessun ostacolo potrà fermarti né tanto meno il giudizio.

Le persone spesso giudicano perché vorrebbero fare quello che fai tu, vorrebbero avere il tuo coraggio, essere diverse. 

Il loro comportamento non deve in alcun modo influire sulle tue scelte e questo accade solo quando hai realmente capito chi sei e soprattutto che sei fiero di te stess*.

Sii prima di fare. 

Impara a lasciar andare

Il fulcro della storia penso che sia proprio qui, nell’imparare a lasciar andare ciò che è successo senza rimorso né rammarico.

Tanzan si è comportato secondo i propri valori, secondo ciò che è, e una volta aiutata la ragazza, si dimentica dell’accaduto.

Ekido invece resta ancorato a quel momento, si porta quella sensazione di “disapprovazione” fino a sera e alla fine, non riuscendo più a trattenersi, manifesta il suo disappunto al compagno.

Qual è il punto qui? 

Il punto è che le cose accadono e a volte quelle che accadono non ci piacciono. Sta a te decidere cosa fare:

👉 rimuginarci su pensando che avresti potuto fare o dire un’altra cosa, tenerti dentro quella rabbia e frustrazione perché non è andata come volevi

👉 accogliere che le cose sono andate così, accettarle e trarne il miglior insegnamento possibile.

ATTENZIONE! 

Accettare non significa approvare!

Accettare significa comprendere ciò che si è, riconoscere anche i lati meno brillanti di noi stessi, i pensieri, le emozioni, accoglierli e agire per migliorarli ogni giorno. 

Imparare a lasciar andare ciò che ti fa stare male e ciò che è stato ti aiuta ad alleggerirti e soprattutto a concentrare le tue energie sul presente.

Trai insegnamento da ciò che è stato nel tuo passato, portalo con te nel tuo qui ed ora e usalo nel tuo futuro.

Fai come Tanzan. 

Sii la persona che vuoi essere, comportati come credi sia giusto (questo non vuol dire non rispettare le regole ma rispettare te stess* per prim*!) e accetta che le cose non vadano sempre come vuoi, lasciale andare e migliora ogni giorno per crescere come persona ed essere umano.


🖋 Gli ultimi articoli dal blog 


🎥 Film o serie tv che mi hanno ispirato 

  • Snowpiercer – Netflix

Sul treno dello Snowpiercer vivono gli ultimi esseri umani rimasti sulla Terra. Il treno è un microcosmo di società umana diviso in classi sociali. 

La convivenza e le diversità tra gli abitanti sfocia inevitabilmente in lotte e rivoluzioni. 
Tutti hanno un unico obiettivo: ottenere il controllo del treno.

Quello che mi ha colpito di questa serie è la costante ricerca, nonostante tutte le avversità, della sopravvivenza da parte degli abitanti del treno e di quanto la voglia di vivere sia forte in ognuno di loro. 

Ogni personaggio ha la sua storia, la sua complessità e un insegnamento per lo spettatore.

Dì la tua